La storia del coniglio e della luna piena

Sabato prima di Natale abbiamo incontrato in reparto la nostra cucciola cinese che ci ha aperto le porte della storia del coniglio e della luna piena! ll coniglio lunare, come dice la parola stessa, vive sulla Luna, e lo si vede quando è piena, negli avvallamenti della superficie illuminata; si tratta chiaramente di una pareidolia, l’illusione subcosciente che fa vedere forme conosciute in oggetti o forme completamente casuali.

Ed ecco l’origine: si narra che un povero viandante giunse in un bosco, stanco ed affamato e che qui incontrò una scimmia, una lontra, uno sciacallo ed un coniglio. Il povero viandante aveva molta fame e chiese loro aiuto; la scimmia si affrettò subito per tutto il bosco a raccogliere la frutta dagli alberi, la lontra si tuffò nel fiume li vicino e procurò dei bei pesci grossi e saporiti, lo sciacallo non sapendo che fare entrò di nascosto in una casa di umani e da lì rubò del cibo.

Tutti portarono qualcosa al povero vecchio, tranne il coniglio, che corse su e giù per il bosco indaffarato ma senza trovare nulla se non un po’ d’erba. Lo sconforto del piccolo animale lo portò a fare una scelta ardita, prese della legna e accese un fuoco e disse al vecchio che non avendo potuto trovare di meglio, si offriva a lui in pasto, e con un balzo si gettò tra le fiamme, donando le sue stesse carni.

Colpito da tanta generosità il viandante si mostrò per colui che era in realtà e cioè la divinità induista Śakra, che colpita da tanta virtù decise di immortalare per sempre l’immagine del coniglio sulla superficie della Luna.

In ogni caso sia che il coniglio muoia o sopravviva, la morale di questa storia è sempre la stessa, l’umiltà, il sacrificio e la carità alla fine premiano sempre, per questo motivo non bisogna mai pensare troppo quando si sta per fare del bene a qualcuno. Ecco, noi ci sentiamo così e non lo sapevamo. E questo è il bello del nostro lavoro. 

L'attività è stata possibile grazie al sostegno della Onlus Lollo 10